Tutti i campi sono richiesti

Chiudi Form Richiesta Appuntamento
Slider Loading
Salvaguardia della Salute

Nello Studio Medico Oculistico del Dr.Marco Barigelli Calcari, specialista in chirurgia refrattiva con tecnica Prk, ci prendiamo cura dei tuoi occhi, e ti assicuriamo il massimo livello di professionalità e di competenza per qualsiasi esame e/o terapia tu voglia sostenere

Consulenze Mediche

Si eseguono le seguenti prestazioni: Esame del Visus (acutezza visiva), Autorefrattometria oculare, Tonometria oculare, Topografia corneale, Schiascopia, Pachimetria, Esame alla lampada a fessura, Esame Oftalmometrico, Prescrizione Occhiali, Fondo Oculare

Specializzazione

Valutazione idoneità per interventi PRK (Photo-Refractive Keratectomy), chirurgia refrattiva o altre pratiche chirurgiche. Si eseguono interventi di chirurgia refrattiva con tecnica PRK di correzione difetti di vista: miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia

Lo sapevi che? Le tecniche che si servono del laser Excimer sono ad oggi le più diffuse.

Guarda il video di presentazione

Tour dello Studio del Dr.Marco Barigelli Calcari

Tour Fotografico

Chirurgia

Il Dr. Marco Barigelli Calcari opera sia in clinica privata che nel pubblico

baby

La chirurgia refrattiva viene eseguita in Via Aurelia 565 – 567, Roma. Qui vengono trattati i seguenti difetti visivi: miopie elevate anche fino a 12 diottrie - presbiopia - ipermetropia - astigmatismo - dalla visita di idoneità all’intervento passano circa 7-15 giorni

baby

L’attività chirurgica che riguarda il bulbo oculare, microchirurgia oculare, segmento anteriore e segmento posteriore, viene eseguita presso Clinica PIO XI di Roma. Vengono eseguiti interventi di: cataratta, glaucomi, trapianti di cornea, distacchi di retina. Sempre presso la Clinica PIO XI di Roma, vengono inoltre eseguiti interventi sugli annessi oculari: Blefarocalasi, Calazi, Pterigi, Xantelasmi.

baby

Presso lo studio privato del Dr. Barigelli, troveranno assistenza oculistica anche i piccoli pazienti, in quanto la prevenzione dei difetti della vista, inzia sin dalla tenera eta'.

LA CHIRURGIA REFRATTIVA
icon

Più della metà della popolazione mondiale è affetta da difetti della refrazione tali da richiedere l'uso di lenti correttive. La maggior parte della gente usa occhiali e/o lenti a contatto, ma molte persone in tutto il mondo desiderano liberarsi dalla schiavitù dalle lenti. E' stato a lungo un obiettivo degli oculisti di individuare delle procedure per la correzione permanente dei problemi refrattivi, e da oltre 100 anni si sperimentano tecniche chirurgiche per ridurre o eliminare la totale dipendenza dagli occhiali. Ciò è attualmente possibile con l'introduzione delle tecniche di chirurgia refrattiva per la correzione della miopia e dell'astigmatismo. La chirurgia refrattiva agisce modificando la forma della superficie anteriore dell'occhio, attraverso una delle numerose tecniche micro-chirurgiche.

COME AGISCE ?

La chirurgia refrattiva è principalmente utilizzata per la correzione dei problemi della visione a distanza, la cui causa può essere la miopia, l'ipermetropia e/o l'astigmatismo. La cornea è la superficie anteriore trasparente dell'occhio, che in condizioni normali, contribuisce a focalizzare le immagini sulla parte posteriore dell'occhio, la retina. La miopia, l'ipermetropia e l'astigmatismo sono condizioni congenite nelle quali la cornea è troppo curva, troppo piatta o asimmetrica e per conseguenza le immagini sono sono proiettate sulla retina distorte o fuori fuoco. Le tecniche di microchirurgia refrattiva agiscono appiattendo la zona centrale della cornea nella miopia, incurvando la zona centrale della cornea nell'ipermetropia, e appiattendo solo una parte della cornea nell'astigmatismo. La chirurgia dell'astigmatismo è spesso effettuata in associazione a quella della miopia o dell'ipermetropia.

PREGI DELLA TECNICA PRK

I pregi di questa tecnica consistono nella sua facilità di esecuzione, nella sua precisione di esecuzione nella scarsa traumaticità e nel fatto che non presenta rischi di rilievo.E’ una procedura completamente indolore ed eseguibile in ambulatorio; si esegue in anestesia di sole gocce (collirio anestetico).

ESECUZIONE DELLA PRK

Al paziente viene richiesto di sdraiarsi sul lettino sotto al laser; viene instillata qualche goccia di collirio anestetico; poi viene rimosso lo strato più superficiale di cellule che ricoprono la cornea per esporre lo strato sottostante all’azione del laser: al paziente viene poi richiesto di fissare una luce rossa e l’operatore esegue il trattamento laser vero e proprio che dura dai 30 ai 60 secondi circa. Alla fine viene applicata una lente a contatto "terapeutica" che rimarrà in sede alcuni giorni. Nelle ore che seguono il trattamento può comparire dolore, talvolta anche di una certa intensità; esso è conseguenza della "ferita" indotta dalla rimozione dello strato più superficiale di cellule che ricoprono la cornea. Il dolore viene sensibilmente ridotto dalla lente a contatto "terapeutica" applicata e viene controllato con farmaci antidolorifici. La guarigione anatomica dall’intervento (cioè il ricoprimento della cornea da parte delle cellule superficiali rimosse per fare il trattamento laser) avviene in tempi abbastanza brevi cioè tre–quattro giorni; la guarigione funzionale cioè il recupero visivo puo' richiedere un tempo maggiore.

icon
Le opinioni dei pazienti